Archivio annuale 2019

DiMissione Chiesa-Mondo

IL DOPO….. FESTIVAL DELLE PARROCCHIE

Il nome è “Festival delle Parrocchie” e la dice tutta sul successo dell’evento avuto luogo martedì scorso al teatro Metropolitan, organizzato dall’associazione no profit “Atacanì”. Una reunion – unica nel suo genere-  di tante realtà della Diocesi di Catania, presentata da Salvo La Rosa e introdotta dall’Arcivescovo Monsignor Salvatore Gristina. “Atacanì vuole valorizzare entità parrocchiali e ecclesiali mediante arte, cultura e socialità – afferma il presidente Mimmo Luvarà –  sono stato per anni animatore in parrocchie periferiche, in qualunque chiesa io vada mi sento a casa per questo desideravo creare una manifestazione che unisse le comunità, sostenuta da Famiglia Ecclesiale Missione Chiesa Mondo”. Una festa vera e propria, dunque, fatta di teatro, danza e canto; in prima linea, sette parrocchie (nel dettaglio San Cristoforo, Santa Lucia al Fortino, Santa Maria di Ognina, Santa Maria del Rosario di Motta Sant’Anastasia, San Nicolò di Misterbianco, Santa Maria delle Salette e Santissimo Crocifisso dei Miracoli) e tre realtà ecclesiali quali Pastorale Giovanile Diocesi di Catania, Oratorio Maria Santissima del Rosario di Adrano e DB & friends di Biancavilla. E sono stati duecento – tra adulti e bambini – a rappresentare cinquanta parrocchie nei dieci spettacoli, con la supervisione di “Buio in sala”, la direzione artistica di Giuseppe Bisicchia e la regia di Massimo Giustolisi. Immancabile, poi, la solidarietà. “Il ricavato della serata sarò devoluto all’Help Center della Caritas diocesana, per bagni e docce”, continua il presidente. “Per ogni rifiuto RAEE è stato donato un biglietto, nell’ambito della Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti”, dice la responsabile della comunicazione Dusty Orsola Trovato. “Insieme abbiamo avuto l’occasione di fare beneficienza”, afferma l’attore Giuseppe Bruno; “da diverse circoscrizioni abbiamo abbracciato lo stesso progetto”, commenta la corista Valentina Arcifa. “Il titolo del Festival è “Un’ala di riserva per essere oasi di misericordia” ispirato alla poesia del vescovo di Molfetta Don Tonino Bello, la chiesa va vissuta per aiutare chi si sente solo”, aggiunge Luvarà. “Questa iniziativa, originale, mira al raggiungimento di obiettivi comuni tra le varie diocesi”, sostiene l’Arcivescovo Monsignor Gristina, “perché la comunione tra le parrocchie è fondamentale”, dice Padre Giuseppe Raciti di Missione Chiesa Mondo.

Valentina Chisari

DiMissione Chiesa-Mondo

FESTIVAL DELLE PARROCCHIE

AL METROPOLITAN DI CATANIA 

IMPULSO PER VIVERE LA COMUNIONE TRA REALTÀ DIOCESANE

Sarà l’Arcivescovo Mons. Salvatore Gristina a dare il via al “Festival delle parrocchie”, che si svolgerà il 19 novembre alle ore 21:00, all’interno del teatro Metropolitan di Catania.

La giornata, intitolata “Un’ala di riserva per essere oasi di misericordia”, è stata ideata da Mimmo Luvarà, in collaborazione con Missione Chiesa-Mondo, insieme ad alcuni laici che hanno fondato l’associazione Atacaní.

Il festival nasce nel contesto del “dopo visita pastorale”, nel quale si inserisce come impulso a vivere la spiritualità di comunione e di missione: obiettivo centrale della visita, che ha impegnato l’Arcivescovo per circa 10 anni. Le parrocchie vivono così un momento di condivisione ed il festival vuole essere uno spazio in cui alcune realtà della Diocesi esibiranno i loro talenti.

Saranno 8 le parrocchie che si presenteranno sul palco, mentre tutte le altre parteciperanno ad una coreografia iniziale per sottolineare il senso di comunione.

Il festival, infine, sposa un progetto di beneficenza, contribuendo alla costruzione di docce e bagni all’help Center della Caritas diocesana.

 

DiMissione Chiesa-Mondo

Week end della Famiglia

Nei giorni 5 e 6 ottobre 2019 a Siracusa si è svolto un incontro di fraternità organizzato dalla Famiglia Ecclesiale di Vita Consacrata Missione Chiesa-Mondo. Ricca e vivace la partecipazione dei numerosi membri di tutti e quattro i Rami della Famiglia, in particolare del Ramo dei collaboratori.

Il primo giorno alla fine della liturgia dell’accoglienza è stato consegnato un cartoncino rappresentante un dipinto del 1400 “trono di Grazia” in cui ogni partecipante ha scritto il proprio nome come segno di appartenenza alla Famiglia e p. Giuseppe Carciotto nella sua riflessione ha sottolineato l’importanza del chiamarsi per nome e di accogliersi l’un l’altro in Famiglia.

Nel pomeriggio i partecipanti hanno vissuto una sorta di pellegrinaggio in alcuni luoghi di Siracusa segno di fede nei tempi antichi e nei tempi moderni. Ci si è recati prima nelle Catacombe di S. Giovanni e poi nell’abitazione di via degli Orti dove nel 1953 da un capezzale di gesso raffigurante il Cuore Immacolato di Maria, la Madonna ha versato lacrime umane.

La seconda giornata è stata aperta dal saluto di S. Ecc. Mons. Salvatore Pappalardo, Arcivescovo di Siracusa, che ha incoraggiato la Famiglia Ecclesiale a rimanere salda nel suo carisma e ad andare sempre avanti con speranza perché – ha ricordato – le lacrime della Madonna, non sono solo di sofferenza, ma anche di gioia e di speranza per tutti.

Dopo i saluti anche di p. Salvatore Farì, che non era presente ma che sono stati riferiti da Lidia Curcio e la preghiera delle Lodi, p. Giuseppe Raciti ha proposto ai presenti una riflessione sulla Spiritualità pastorale, spiegandone ambivalenze e dinamicità.

Infine a conclusione del confronto comunitario sul tema, Lidia Curcio ha presentato gli impegni formativi dell’anno.

Quindi tutti hanno partecipato alla Celebrazione Eucaristica in Santuario e dopo il pranzo – a conclusione dell’esperienza – hanno ringraziato per il dono della fraternità e della comunione vissuto.

DiMissione Chiesa-Mondo

Esercizi spirituali per Coppie e Collaboratori: sulle orme di San Paolo

 

 

 

 

In questo inizio di estate bollente, le Coppie impegnate e i Collaboratori della Famiglia Ecclesiale Missione Chiesa-Mondo, si sono incontrati giorno 5 e 6 luglio presso le suore Domenicane di Catania per partecipare agli Esercizi Spirituali predicati da p. Salvatore Farì Responsabile Generale della Famiglia.
Sin dalle prime battute é stato chiaro che gli incontri si sarebbero svolti sotto il segno della fraternità e del confronto con la Parola di Dio.
P.
Salvatore, infatti, ha accompagnato i partecipanti in un percorso lungo alcune tappe della vita di Paolo di Tarso, da Damasco a Corinto fino a Filippi.
Dalla lettura dei brani sono emersi i tratti significativi del rapporto di Paolo con Cristo, con le varie comunità cristiane e con i compagni di cammino come Anania e Barnaba.
A Damasco, Paolo scopre il cambiamento da persecutore di cristiani a prescelto; riflettere su questo avvenimento di Paolo ha permesso di interrogarsi se la Parola cambia ancora il cuore di chi l’ascolta o passa senza lasciare traccia.
A Corinto, comunità molto difficile, Paolo scopre il primato della croce che è la consapevolezza che dove sembra esserci il fallimento lì c’è la potenza di Dio che è carità.
A Filippi, Paolo, nonostante sia in prigione scopre la gioia della fede e della comunità.
Dopo ogni meditazione, tutti hanno avuto l’opportunità di esprimere riflessioni e condividere esperienze.
Questi due giorni hanno sicuramente offerto spunti per la riflessione personale in attesa di un nuovo anno pastorale.
L’esperienza si è conclusa con la Celebrazione Eucaristica nella quale le Coppie e i Collaboratori hanno espresso ad alta voce la loro volontà di seguire il carisma e la spiritualità della Famiglia Ecclesiale.

Daniela La Mendola

DiMissione Chiesa-Mondo

Esercizi spirituali per Coppie e Collaboratori

Nei giorni 5 e 6 Luglio si svolgeranno a Catania gli Esercizi Spirituali per il terzo e quarto ramo della Famiglia Ecclesiale: coppie di coniugi e collaboratori.
Le meditazioni saranno tenute da P. Salvatore Farī C.M.
Si svolgeranno presso l’istituto delle suore Domenicane via S Nullo 46.
Ecco il programma:
Venerdì 5 luglio ore 20,00-22.00: meditazione, riflessione personale, confronto comunitario.
Sabato 6 ore 18,00 meditazione e riflessione personale; ore 19.30 Celebrazione Eucaristica con promesse delle coppie di istituto e impegno di adesione dei collaboratori.
Seguirà cena fraterna.
Si può posteggiare dentro il cortile dell’istituto.
Ci sarà il servizio di babysitter.